PLANTARI 3D Medicali Personalizzati

BILANCIARE IL BACINO per prevenire protesi di caviglia, ginocchia, anca e per prevenire intervento di ernia del disco.

BILANCIARE IL BACINO per prevenire protesi di caviglia, ginocchia, anca e per prevenire intervento di ernia del disco.

Il medico o l'ortopedico di solito non misurano la inclinazione del bacino , e' una misurazione difficile , e' facile sbagliarsi.
Se riscontra finalmente una inclinazione del bacino, diagnostica una gamba più corta dell'altra. Le persone che effettivamente hanno gambe di differente lunghezza (eterometria) sono meno del 4% come dimostra uno studio del Burkhard Hock.
Il 96% delle eterometrie pelviche sono solamente funzionali, dovute alla rotazione in avanti o rispettivamente indietro di un anca rispetto all'altra. La rotazione del bacino è la conseguenza di una caviglia che cede all'interno (iperprona) piu' dell'altra.
L'ortopedico o il medico che si occupano dell'inclinazione del bacino richiedono una radiografia del bacino per diagnosticare "con precisione" la dismetria pelvica.
La radiografia pero' misura solo 2 dimensioni (altezza x larghezza)mentre il bacino nella realtà ha tre dimensioni (altezza x larghezza x profondità). Il dottore vede dalla radiografia una gamba più corta ma è l'errore di prospettiva di un'anca in una posizione spaziale più avanzata o arretrata rispetto all'altra (dimensione della profondità) .
La radiografia visione a due dimensioni (2D) mostra "un'anca più ALTA dell'altra" anziché "un'anca più IN AVANTI dell'altra" come effettivamente è nella realtà a tre dimensioni (3D). Cosi' gli ortopedici a causa di questo errore di comprensione prescrivono una soletta ortopedica con il rialzo dalla parte della gamba apparentemente piu' corta. Con un rialzo non necessario i dolori alla schiena aumentano perché si introduce un ulteriore sbilanciamento nel sistema scheletrico!

Per quantificare con piu precisione la inclinazione del bacinoconsiglio:
“Rx rachide dorso-lombosacrale+bacino + ginocchia in ortostatismo (posizione naturale,spontanea, il piu rilassato possibile,NON fare unire le punte dei piedi,NON incollare il paziente alla piastra) solo proiezione frontale su CD per sospetta eterometria creste iliache.”

Perche’ e’ fondamentale avere il bacino in bolla?

Anche se si e’ magri se si carica il peso in modo squilibrato (es.65% a dx e 35% a sinistra) alla lunga si usurano le articolazioni e si finisce per inserire protesi di caviglia, di ginocchio e di anca o di subire intervento chirurgico di alluce valgo e neurochirurgico di ernia del disco : tutti problemi evitabili con un corretto allineamento del bacino.

Anche l’ALLUCE VALGO dipende da un carico disomogeneo, infatti e’ piu’ accentuato da un lato rispetto al contro laterale: operare e’ inutile e dannoso, si opera la conseguenza a valle e non la causa a monte, dopo 6-12 mesi l’alluce valgo si riforma, permane uno stato di infiammazione cronica da operazione cruenta con corpi estranei,permangono tutti gli altri problemi :caviglia che iperprona, ginocchio valgo ( a X) ,dolore all’anca, iperlordosi lombare. L’alluce valgo e’ solo la spia che tutto il nostro peso e male distribuito,cioe’ abbiamo una POSTURA scorretta….purtroppo pero’ tutti questi professoroni (sic) con giacca, cravatta e farfallino o papillon parlano di postura ma nessuno sa poi come correggerla ….quando c’e’ un tavolino che traballa mettete qualcosa sotto le gambe del tavolo oppure fate massaggi alle gambe del tavolo o mettete corsetti, busti, bites alle gambe del tavolo? E’ un linguaggio terra terra ma serve a fare capire il concetto.Qui infatti in questa epoca di super-specializzazione si perde il buon senso e la visione di insieme e non si capisce che il dolore al ginocchio e’ dovuto a una caviglia che appoggia male e lo stesso per il dolore all’inguine , anca, vertebre.
Chi opera taglia ed inserisce PROTESI DI ANCA E GINOCCHIO e manco si pone il problema di ri-equilibrare il bacino , se gli chiedete “D-.Professore perche mi mette la protesi al ginocchio destro anziche’ sinistro? R-perche’ c’e’ artrosi al ginocchio destro” ma questa non e’ una spiegazione, artrosi vuole dire usura, potrei chiamarla pinco pallino ma perche’ e’ venuta a destra anziche’ a sinistra?
Noi invece analizziamo la inclinazione del bacino e inseriamo piani inclinati per riallineare le caviglie (blocchiamo cosi alluce valgo) –le ginocchia-le anche-le vertebre.

Non ha senso fare iniezioni di ac.ialuronico in un GINOCCHIO VALGO (ginocchio a X) , il ginocchio continua a lavorare comunque fuori asse e si finisce poi con protesi .Ha senso raddrizzare il ginocchio in modo che la gamba lavora in asse e le facce articolari di tibia e femore NON sfregano piu’.Chiediamo anche RX GINOCCHIA IN CARICO per studiare le rime articolari cioe lo spazio tra tibia e femore per posizionare i cunei in modo appropriato o per decidere di non metterli. i cunei laterali peggiorano la iperlordosi lombare e cerchiamo quindi di non metterli a meno che la rima mediale’ e’ somparsa e femore e tibia toccano e sfregano.

C’e’ poi chi per fare soldi vi fa mettere i bites dentali…ma voi camminate con la bocca?
O c’e’ chi vi fa mettere busti o corsetti (quando li togliete vi afflosciate ancora di piu perche i muscoli a lato della colonna vertebrale non hanno lavorato). Voi per raddrizzare la torre di Pisa mettete una impalcatura al ventesimo piano o del cemento sotto dove il terreno ha ceduto?
Che senso ha farvi manipolare da osteopati, chiropratici, fisiatri, fisioterapisti? Vi dicono che vi hanno riallineato, peccato pero’ che come tornate in piedi sotto l’effetto della forza di gravita siete di nuovo storti…non siete pesci che nuotate orizzontali…non vado a fare un massaggio a un tavolini che traballa ma metto qualcosa sotto.

Un bacino perfettamente orizzontale (cresta iliaca sn e dx perfettamente in bolla) e’ fondamentale !
La scoliosi, la cifosi e la ernia del disco (sciatica) si formano perche la schiena poggia su un bacino inclinato.
La schiena poggia sul bacino e non viceversa, il bacino a sua volta poggia sul femore che a sua volta poggfia sulla tibia che a sua volta poggia sulla caviglia che poggia sul piede….
Nel 94 % dei casi di BACINO SLIVELLATO (eterometria del bacino) le gambe sono lunghe uguali ed e’ quindi sbagliato e dannoso mettere un rialzo sotto il piede del lato della cresta iliaca del bacino piu’ basso!

Ma allora se le gambe sono lunghe uguali perche’ alcuni soggetti hanno una cresta iliaca piu bassa dell’altra? Perche’ i muscoli che sostengono l’arco longitudinale di un piede (es.SN) sono piu deboli dei muscoli dell’altro piede (es.dx) : muscoli piu deboli--->l’arco longitudinale cede sotto il peso del corpo--->la caviglia cede all’interno (iperprona)--->la tibia ruota all’interno (ginocchia valghe)----> il femore ruota all’interno---_> la cresta iliaca corrispondente ruota in avanti ed in basso---->il bacino e’ slivellato.

CONCLUSIONE: nel 94% dei casi NON ci vuole un rialzo ma un piano inclinato di una specifica gradazione per allineare il bacino (peccato che la maggior parte degli operatori sanitari NON ha capacita’ di sintesi e non sa mettere insieme nozioni di anatomia+biomeccanica+geometria ….) Il plantare ha una memoria cioe’ tende a ritornare alla forma originale dopo avere sopportato il peso del corpo…con il tempo pero’ questa memoria si perde ed allora non svolge piu l’azione in modo efficace e conviene farne uno nuovo.


MEDTECH S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento