PLANTARI 3D Medicali Personalizzati

Camminare bene per Camminare a lungo

Camminare specie in mezzo alla natura e' indispensabile per la salute del sistema cardiocircolatorio e muscolare,

Camminare sotto l'effetto della forza di gravita' stimola in continuazione i muscoli. La contrazione dei muscoli stimola l'apporto sanguigno all'interno delle ossa atttraverso le arteriole perforanti che attraversano la corteccia ossea. Attraverso una migliore circolazione sanguigna preveniamo la Osteoporosi e le fratture patologiche specie del collo del femore.

Tutti i preperati medici per la osteoporosi non servono cosi come non serve una ossessiva ripetizione della MOC. Addirittura i farmaci piu usati per la osteoporosi causano esofagite e gastrite e soprattutto un addensamento delle trabecole ossee.

Le trabecole ossee addensate rendono la matrice ossea ancora piu friabile e soggetta a fratture!

Quelli elencati sopra sono I benefici delle camminate pero'. . ..se camminiamo appoggiando male i piedi usuriamo prima le cartilagini di caviglie,ginocchia,anche,vertebre e finiamo poi con una protesi alla caviglie, alle ginocchia ed alle anche o con un intervento inutile e dannoso per neuroma di morton, alluce valgo o spina calcaneare.


Inoltre chi opera non ha purtroppo le necessarie nozioni di geometria,biomeccanica e di matematica. Viviamo in un mondo ultraspecialisticio dove si sa tutto su un piccolo particolare e viene a mancare la visione di insieme. Anche quando si parla di gruppo di coordinamento multi-specialistico tra chirurgo ortopedico-fisiatra-tecnico ortopedico in realta non c'e' reale comunicazione tra un esperto e l'altro.

Ci troviamo cosi il paziente con una gamba piu corta di un altra di diversi centimetri dopo un intervento che si poteva evitare.

Appronfondiremo questo argomento nei prossimi articoli.


Sappiate intanto che la causa principale di tutti i problemi di camminata sbagliata sono le scarpe che compriamo.


Ogni giorno in studio ho snervanti discussioni su questo argomento.

Specie gli italiani piu di altri popoli europei pensano alla moda, all'estetica piu' che alla praticita e sono abituati a sentire ed a volere il piede costretto,ingabbiato, incarcerato in una scarpa troppo stretta e troppo corta.

Il piede incarcerato diventa cosi' una appendice inutile che non puo' muoversi, i muscoli non possono lavorare e si indeboliscono, si finisce per non potere usare le dita dei piedi. Il piede si imbarca con sfondamento dell'arco e le dita si piegano per potere stare in una scarpa troppo corta.

Ogni giorno trovo pazienti che portano scarpe di 3 o 4 o 5 taglie inferiori alla misura del proprio piede e molti finalmente mi danno ragione (ma non tutti) quando faccio loro vedere a video la lunghezza effettiva in centimetri del loro piede e la taglia che dovrebbero indossare.

Inoltre alcuni non sono disposti ad accettare i miei consigli perche' per una vita hanno continuato a comprare scarpe sbagliate e non sono disposti a cambiare il proprio guardaroba! Sacrificano la salute delle proprie articolazioni e non spendono soldi in scarpe adeguate poi magari spendono 2000 eur per interni in pelle per la nuova auto,

Ci sono poi persone che insistono che le proprie scarpe sono di alta qualta perche battute a mano artigianalmente e che nessuno batte l'eccellenza italiana. Niente di piu' sbagliato.

Ferrare i cavalli causa un artrosi precoce dell'anca cosi come ferrare le scarpe con un tacco ( si usa ancora mettere un ferro salvatacco addirittura) provoca un artrosi precoce di ginocchio e anca eppure molti medici consigliano ancora le scarpe con il tacco!

Senza contare che molte scarpe cosiddette artigianali sono fatte in cina e poi si scrive sotto made in italy sulla suola vero cuoio applicata in italia. . . Cosi va il mondo.

Solo alcune marche tedesche come birkenstock e finnamic hanno fatto studi approfonditi sulla anatomia del piede ed hanno capito che la migliore camminata e' quella naturale sulla sabbia per cui la scarpa deve avere una suola con conca talloniera,l'opposto del tacco e la parte anteriore della scarpa deve essere squadrata per non piegare l'alluce.

I piedi sono mani, voi nelle mani mettete un guanto con cinque dita oppure costringete le mani in una scarpa a punta a triangolo dove le dita sono ingabbiate?

Riflettete su questo e visitate scarpecomode.info per vedere le calze a cinquedita , i distanziatori al silicone da mettere sopra le calze a cinque dita e le scarpe kyboot svizzere.


MEDTECH S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento