PLANTARI 3D Medicali Personalizzati

Il piede cavo si combatte con i plantari

Chi appoggia il peso solo sulla parte anteriore e sul calcagno può ricorrere alle solette personalizzate, realizzate dal podologo


Quella del piede cavo è una malformazione, congenita o acquisita, caratterizzata da un'esagerata concavità dell'arcata plantare. «È il contrario del piede piatto: l'area d'appoggio è limitata alla parte anteriore e al calcagno e la parte mediana è rientrante più del dovuto», spiega Mauro Montesi (puoi chiedergli un consulto), direttore dell'Istituto podologico italiano di Roma e presidente dell'Associazione italiana podologi (Aip). Insomma, si forma una specie di volta esagerata.


Sintomi: dolore al piede e fascite plantare o anche a tutta la gamba, a volte mal di schiena.


Diagnosi: si ottiene con radiografia e con l'esame baropodometrico, che valuta la qualità dell'appoggio a terra del piede. Ulteriori indagini sono l'esame del passo (si valuta la camminata) ed eventuali analisi per escludere che alla base della malformazione vi sia una patologia neurologica.


Terapie: Per evitare la progressione del difetto, si devono portare plantari personalizzati, a lievitazione, realizzati dal podologo. Non si tratta quindi di scarpe ortopodiche. Nei bambini fino a cinque-sei anni si può ricorrere anche alla fisioterapia, con manipolazioni che tendono a ripristinare la forma corretta del piede. L'intervento chirurgico è indicato quando la deformità è progressiva e grave e le terapie conservative hanno fallito. Le tecniche vanno dalla liberazione dei tessuti molli alle trasposizioni tendinee fino agli interventi sull'osso oppure varie combinazioni di queste. La scelta del tipo di intervento dipende dall'età del paziente e dal grado di malformazione.







OK La salute prima di tutto


fonte http://www.ok-salute.it/


MEDTECH S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento