PLANTARI 3D Medicali Personalizzati

Ginocchio valgo, alcuni suggerimenti

 Il ginocchio valgo, che qualcuno definisce semplicemente “avere le gambe ad X” è una deformazione dello stesso che tende ad andare all’ interno mentre la tibia ed il femore all’esterno. Il fenomeno è molto comune nei neonati e nei bambini fino ai 6-7 anni e si considera patologico quando l’angolo aperto all’esterno, formato dall’asse della coscia con quello della gamba, è minore di 160 gradi. In quest’ultimo caso, uno specialista ortopedico, può consgliare un intervento chirurgico di osteotomia femorale, ovvero di riallineamento dell’arto con il ripristino della corretta biomeccanica articolare.


Se il ginocchio valgo è nella norma, non considerato patologico, oltre a plantari correttivi che migliorano la postura, possono essere messi in atto degli esercizi correttivi per migliorare la deformazione. Solitamente si tratta di esercizi che hanno lo scopo di rinforzare i muscoli adduttori delle gambe che sono meno sfruttati nel valgismo.


Cinque esercizi utili per coloro che soffrono di ginocchio valgo:



  • disponetevi seduti per terra, su un tappetino e, unendo le caviglie, stendete le gambe in avanti, cercando di tenere contemporaneamente stretto fra le ginocchia un cuscino, esercitando una leggera pressione. Stringete il cuscino per un minuto ripetendo 5 volte.

  • Mettetivi in piedi appoggiati al muro. Divaricate le gambe con una apertura massima delle spalle con le punte dei piedi che leggermente vanno all’ esterno. All’ interno delle ginocchia mettete una palla di spugna oppure un cuscino che dovete stringere. Scendete fino quasi a sedervi. Mantenete questa posizione per 60 secondi. Ripetete 5 volte. Questo esercizio isometrico serve per rafforzare il muscolo vasto mediale per le gambe e ridurre quindi il carico sul ginocchio.

  • Prendete un tappetino e sdraiatevi sopra a pancia in giù, con il mento che tocca la terra. Comprate in un negozio di articoli sportivi un peso da caviglia da uno o due chili (ma si può usare anche una borsa o una calza piena di monete e avvolta attorno alla caviglia), ora piegate il ginocchio ed alzate lentamente il polpaccio di 30 centimetri e poi abbassatelo lentamente. Fate tre serie da dieci.

  • Mettetevi in piedi di fronte ad una spalliera e impugnatela all’ altezza delle spalle. Tenete i piedi paralleli con le gambe un po’ divaricate; dovete fare un’ abduzione delle ginocchia con una leggera estensione delle gambe allo stesso tempo mantenendo i piedi paralleli.

  • Mettetevi seduti incrociando le gambe incrociate e piegandole, spingere leggermente con le mani le ginocchia verso il basso.Tenetele spinte 1 minuto ripetendo 5 volte.



 

fonte: http://www.salutejournal.it/


 


Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.