PLANTARI 3D Medicali Personalizzati

(Mal di) piedi da fashion victims

 Tacco 12 o ballerine? Non c'è modello che tenga: le scarpe di tendenza fanno male ai piedi (e 1 italiano su 2 deve rivolgersi all'ortopedico). Ma le vie d'uscita ci sono: eccole, dagli specialisti



 

La sofferenza dei nostri piedi su sandali altissimi attorcigliati alle caviglie non è certo paragonabile alle torture inflitte nell'antica Cina dalla fasciatura delle estremità femminili di cui si parla nel film Il Ventaglio Segreto uscito da poco nelle sale cinematografiche. Ma quanto sono dannose le scarpe fashion, siano esse super high o ultrapiatte? A detta degli esperti moltissimo e un italiano su due, secondo i dati emersi all’ultimo Congresso Internazionale sulla chirurgia del piede, è costretto a rivolgersi all’ortopedico.

 

Chi cammina male e indossa scarpe scomode rischia di avere i piedi ko già a 30 anni, dicono i medici, ma convinte come siamo che per essere belle dobbiamo soffrire non rinunciamo al tacco a spillo. Inventato nel lontano 1950 da Salvatore Ferragamo per una camminata più sensuale ed elegante, anche se richiede uno sforzo da equilibrista e causa mal di schiena, lo "stiletto" è tutt'oggi un irrinunciabile strumento di seduzione (oltre che di tortura). Dolore alla pianta del piede, alle gambe e nei casi più gravi anche l’antiestetico alluce valgo (il 90% delle persone colpite sono donne) sono le conseguenze.

 

A finire sul banco degli imputati sono anche le comodissime infradito e le ballerine rasoterra, protagoniste della stagione estiva, come ci illustra Andrea Bianchi, chirurgo specializzato in ortopedia e traumatologia: “Dietro la comodità di queste calzature possono nascere dolori al tallone, alla volta plantare e all’anca. La maggior parte di questi problemi è causata dai movimenti che il nostro corpo esegue per trattenere le infradito con le dita dei piedi. Inoltre, la suola piatta, l’assenza di arco plantare e di ammortizzazione, non offrono alcun supporto al calcagno e provocano una cattiva postura con infiammazioni dei tendini. Sconsigliate per le lunghe camminate, pericolose per guidare e spesso causa di piccole ferite e infezioni tra le dita del piede, le infradito secondo lo specialista andrebbero sostituite con sandali sportivi che garantiscono un miglior supporto per il piede.

 

E per chi non vuole rinunciare al glamour? “Le altezze mozzafiato, ma anche le calzature bassissime non vanno indossate tutti i giorni e comunque per non più di 2-3 ore consecutive. Il tacco giusto deve avere un’altezza di 3-4 cm" dice Bianchi. "Consiglio, comunque, di alternare i tacchi alti a scarpe basse, con pianta larga. Se, poi, al fascino del tacco 12 proprio non si può resistere, meglio puntare su modelli con zeppe o plateau che riducono il dislivello tra il tallone e la punta del piede, oppure usare degli speciali cuscinetti che rendono più soft l’appoggio plantare”.

 

Fonte: leiweb.it 


 


MEDTECH S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento