PLANTARI 3D Medicali Personalizzati

PLANTARI PERSONALIZZATI

Siamo nel 2010 eppure i plantari personalizzati specie in Italia sono medioevali sia nella manifattura sia nei materiali sia soprattutto nella efficacia curativa. Non si spiega poi al paziente in che scarpe indossarli.Risultato? Il paziente smette di indossarli e perde fiducia sulla efficacia del plantare. In Italia il medico si limita a una prescrizione e poi invia il paziente presso una sanitaria.Ammesso e non concesso che la diagnosi nella prescrizione sia corretta molte volte la prescrizione e’ generica tipo “ il paziente necessita di plantare con sostegno della volta ecc.”.







E’ una frase che vuole dire tutto e niente.Non si tratta di un farmaco che si trova in farmacia preconfezionato.Ci si concentra poi solo sul piede e non sulla valutazione dei fianchi.Molte persone hanno un fianco piu’ basso di un altro e quindi distribuiscono il peso malamente.







Questo spiega perche’ alcune persone sviluppano artrosi precoce ad un anca o a un ginocchio.Sono concetti semplici ed intuitivi ma spesso trascurati.







Pensate : un’automobile poggia su 4 ruote in modo orizzontale(non su 2 piedi in modo verticale) eppure ognuno di noi capisce l’importanza di fare periodici controlli della equilibratura e della convergenza delle gomme. Ci vuole cosi’ tanto a capire che la torre di Pisa e’ storta perche’ il terreno friabile ha ceduto da una parte? O credete forse che sia storta perche’ hanno messo un mattone a destra anziche’ a sinistra al quarantesimo piano?







Solo in rari casi ci sono cause masticatorie o visive anche perche’ gia’ in giovane eta’ ci si sottopone a visite accurate dentistiche e oculistiche.Escluse la maleocclusione e lo strabismo rimane solo il piede come causa unica di alterazione della postura eppure non esistono controlli generalizzati podalici nella popolazione.Secondo voi l’ernia del disco e’ causata da un dente mal posizionato? Poggiate una mano a piatto sui lombi di un vostro amico e ditegli di ruotare il piede verso l’interno!Nei testi sacri di medicina pero’ mai il piede viene citato come causa.







Per correggere una scoliosi ha piu’ senso mettere un busto o una placca con viti sulla schiena o correggere l’appoggio del piede? Quando prendete una scossa elettrica cadete per terra .Perche’?Perche’ i muscoli smettono di lavorare,capite ora che i muscoli sostengono la schiena e che e’ dannoso agire sulle ossa con busti o peggio ancora placche e viti.







Le catene muscolari si riequilibrano e quindi si rettilineizza la schiena scoliotica solo con un appoggio corretto del piede e con la eliminazione di differenza di lunghezza (anatomica e/o funzionale) degli arti inferiori.Otteniamo questo con plantare medicale correttivo e scarpa predisposta.Non occorre laurea in medicina per capire questi semplici ma trascurati concetti di biomeccanica ma solo l’uso del raziocinio patrimonio comune della umanita’.


http://www.medicitalia.it/minforma/Gnatologia-clinica/629/plantari-medicali-correttivi-personalizzati







 


MEDTECH S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento