PLANTARI 3D Medicali Personalizzati

Riflessioni estreme

 Tutti noi ci muoviamo grazie a un capolavoro di ingegneria meccanica: 26 ossa, 33 articolazioni, 100 tendini, legamenti, muscoli. Non solo, i piedi sarebbero infatti connessi a tutti gli organi del corpo. Ecco cosa si può fare per mantenerli in forma


Terapie da star



Lunghi o corti, affusolati o tozzi, i nostri piedi sono comunque un capolavoro di ingegneria meccanica: ci sostengono e mantengono in equilibrio. E da loro dipende il benessere di tutto il corpo. Rappresentano infatti un microsistema in cui si riflettono le funzioni dei vari organi. Per questo lariflessologia plantare, arte antica che aiuta a raggiungere e mantenere un perfetto stato di salute degli organi, è anche un ottimo strumento per leggere i messaggi del corpo. Attraverso l’osservazione della pianta dei piedi, considerata una mappa, si può capire quali zone siano in difficoltà e un esperto riflessologo riesce a correggere gli squilibri e a rimuovere i blocchi e i nodi energetici prima che si trasformino in patologie.


Scalze in vacanza



Da Londra a New York, vip e celebs ricorrono a questa terapia per sciogliere contratture muscolaridovute a stress o a posizioni errate che provocano dolori alle spalle, dorsali, lombari, cervicali, per migliorare la postura, neutralizzare l’ansia, sconfiggere l’insonnia. Ma la riflessologia plantare è utilizzata anche per favorire una gravidanza serena o arrivare al parto in forma senza gonfiori, come hanno fatto Gwyneth Paltrow e Kate Moss. Ma per stimolare la pianta dei piedi e ritrovare benessere scaricando nel terreno le energie negative, si può adottare la filosofia made in Usa delbarefooting, cioè camminare scalzi: sull’erba, sulla sabbia, sui ciotoli di un fiume o nelle beauty farm italiane che partono proprio dai piedi per una remise en forme globale. E naturale.

Fonte: leiweb.it 


MEDTECH S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento