PLANTARI 3D Medicali Personalizzati

ernia discale

Nell'ernia del disco il disco degenera e poi fuoriesce nel canale spinale.Cosa lo fa degenerare? Ripetuti traumi.Su questo sono d'accordo tutti.Quando pero' si cita il piede come causa "apriti o cielo!", tutti insorgono!(fisiatri,ortopedici,neurochirurghi,osteopati,chiropratici).















            


Se basta un plantare adatto loro cosa ci stanno a fare?Avete visto i nostri pavimenti? Sono piu' duri delle pareti dei muri! Se io picchio la testa contro la parete 5.000 volte il mio cranio "degenera" oppure no?pensate allora cosa succede ad un disco intervertebrale che riceve come minimo 5.000 vibrazioni retrograde al giorno,onde d'urto retrograde che partono dalla superficie plantare.Il trauma avviene perche' l'uomo moderno ha sostituito il terreno morbido con il terreno duro,oggi il suolo e' piu' duro di una parete.La degenerazione del disco avviene anche con piedi normali proprio per via del tereno duro,figuratevi con piedi malformati.I nostri piedi non sono regolari come le gomme dell'auto e soprattutto sono 2 e non 4,L'UOMO POGGIA SU 2 PIEDI E NON SU 4 RUOTE , E' IN STAZIONE ERETTA, EPPURE L'AUTO LA PORTIAMO REGOLARMENTE A REGISTRARE CONVERGENZA ED EQUILIBRATURA DELLE RUOTE, IL PIEDE LO IGNORIAMO DEL TUTTO!































































 I tacchi poi avvicinano il suolo al tallone e peggiorano la onda traumatica retrograda che si riverbera su articolazioni e dischi.































































Quindi se il trauma e' la causa della degenerazione del disco ed il trauma e' data dall'appoggio del piede (o camminiamo forse con la testa) perche' la lobby di ortopedici-neurochirurghi-fisiatri non accetta l'evidenza? Risponde che non ci sono prove scientifiche. Io posso riempire una lavagna di formule matematiche apparentemente precise e asettiche ma se il dato di partenza e' sbagliato vendo fumo.































































La stragrande maggioranza dei medici NON sa diagnosticare e distinguere un piede cavo da un piede piatto,scambia un piede piatto per un piede cavo perche' non utilizza la scansione 3d del piedema una pedana piatta, anche se computerizzata sempre piatta e'.Ci si laurea in medicina studiando a memoria montagne di dati ma senza conoscere la epistemologia,la filosofia della scienza,matemastica,fisica e geometria.































































Non serve perdere tempo a memorizzare dati, bisogna imparare ad utilizzarli, a ricordarli ci pensa il computer.LA MAGGIOR PARTE DEI MEDICI NON SA DIAGNOSTICARE UN PIEDE PIATTO CHE IPERPRONA E NON SA  NEPPURE STABILIRE SE UN'ARTO INFERIORE E' PIU' LUNGO DELL'ALTRO E SE LA DIFFERENZA DI LUNGHEZZA E' ANATOMICA O FUNZIONALE: per questo MAI hanno  trovato una relazione causale tra piede piatto ed degenerazione del disco (e di conseguenza tra piede piatto ed ernia del disco)!































































La completa ignoranza di elementari principi di biomeccanica  causa interventi chirurgici senza logica.     


 Esempi:















 -dolore alla schiena da ernia del disco? nessun problema: o si opera oppure derivato della morfina (durogesic) , si proprio cosi' :questo accade nel 2010 a una mia paziente con caviglia completamente instabile che iperprona e sublussa in modo evidente. Basterebbe un plantare adatto per sostenere la caviglia e di conseguenza correggere la iperlordosi lombare che causa il dolore lombare.


-scoliosi in giovane bambina? Nessun problema: si porta busto o si mette placca con viti sulle vertebre con operazione privata di 20.000 eur a Lugano.In questo modo la schiena e' sorretta passivamente e si indeboliscono e si atrofizzano i muscoli delle catene paravertebrali .































Basterebbe un plantare per riequilibrare le catene muscolari paravertebrali: sono loro che causano la scoliosi,l'osso e' l'ultimo anello della catena.


Per riequilibrare le catene muscolari e guidare la caviglianoi agiamo con cunei sull'appoggio del calcagno e solo in certi casi aggiungiamo un sostegno aggiuntivo alla volta mediale: il vettore della forza di gravita' agisce perpendicolarmente sui  muscoli della volta mentre i muscoli paravertebrali lavorano in parallelo al vettore gravitario.































































































































 


MEDTECH S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento