PLANTARI 3D Medicali Personalizzati

neuroma di morton

IL NEUROMA


Le forze anomale e superiori che i metatarsali subiscono durante il carico e soprattutto durante la deambulazione creano una compressione sui tessuti molli fissi al di sotto delle teste metatarsali.

In alcune circostanze, e quindi in soggetti predisposti, questo attrito patologico può determinare la formazione di tessuto fibroso nel sottocutaneo. Il trauma continuo e persistente aumenta le dimensione del tessuto fibroso fino a circondare e “intrappolare” il fascio neurovascolare.

La fibrosi che ne risulta prende il nome di Neuroma di Morton.

Lo stiramento e la compressione del Neuroma determina una neurite con irritazione prevalente nell’area intermetatarsale che talvolta si irradia fino alle dita.


Spesso, nel piede patologico il neuroma di Morton viene scambiata per una metatarsalgia, invece la metatarsalgia può essere solo una delle cause scatenante. Altre cause scatenanti possono essere l’alluce valgo, insufficienza delle dita, calzature troppo strette o ancora lassità del compartimento legamentoso.


I sintomi vengono spesso descritti come una “fitta”, un crampo ma più spesso descritti come simili ad una “coltellata” che, sotto carico in deambulazione in qualsiasi momento (senza apparente giustificazione) si irradia nell’area intermetatarsale.


MEDTECH S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento