PLANTARI 3D Medicali Personalizzati

scoliosi bambino

La scoliosi è un difetto strutturale osseo a carico della colonna vertebrale (detta dai medici "rachide"), evidenziato dall’accrescimento, e consta di una deviazione laterale e rotatoria persistente della colonna vertebrale, che porta a deformazioni estetiche e funzionali. La Scoliosi Vera deve essere tenuta ben distinta dalla Scoliosi Funzionale, che è un paramorfismo, cioè una "finta malattia" poiché il soggetto definito come portatore di paramorfismo in sintesi è portatore di una "variazione della forma normale" ma non ha una malattia da curare. La Scoliosi Funzionale è caratterizzata da una curvatura laterale della colonna vertebrale secondaria a posizione viziata, a scarso tono muscolare, a una differenza, peraltro piccola e transitoria, di lunghezza degli arti inferiori. I bambini con questo piccolo problema vanno solo incentivati nell’attività sportiva, al fine di raggiungere un migliore tono muscolare generale.


Nel caso della Scoliosi Vera, ci si trova invece davanti ad una vera malattia che è l’espressione di una deformazione asimmetrica del corpo vertebrale, un vero e proprio disturbo dell’accrescimento di alcune vertebre. La causa (o, meglio, le cause) sono incerte, ma c’è sicuramente una componente genetica (predisposizione genetica multifattoriale). Questa malattia produce, nel periodo dell’accrescimento rapido adolescenziale, una anomalia evolutiva non correggibile dell’asse della colonna vertebrale. E’ una malattia più frequente nella femmina che nel maschio ed è per la massima parte (80-90%) detta idiopatica, cioè è un fatto a se stante, non conseguente né accompagnato ad altre malattie.


E’ possibile trovare, nello stesso nucleo familiare, più soggetti affetti. La deviazione inizia subdolamente, anche all’inizio dell’età scolare, ed evolve con una velocità che è proporzionale alla rapidità di sviluppo in lunghezza della colonna vertebrale stessa: è quindi una malattia evolutiva progressiva. In genere sono presenti due curve lungo la colonna, una primaria ed una di compenso. La curva primaria dà il nome alla scoliosi: dorsale, lombare, dorso-lombare. E’ poi definita lieve quando la deviazione è entro i 15 gradi, e grave, se è oltre i 40: questi valori vengono calcolati dall’Ortopedico su una radiografia della colonna vertebrale.


Solitamente le scoliosi tendono a stabilizzarsi alla fine della pubertà, ma ciò può non essere vero per le forme gravi, che possono continuare la loro evolutività anche dopo tale periodo della vita. A scoliosi conclamata, si evidenzia il gibbo (la gobba), cioè la differenza (asimmetria) fra le due metà del torace, per cui risulta più elevata (quando il bambino viene fatto inchinare e viene guardato sia da dietro che da davanti) la  metà del torace verso la quale si situa la curva convessa della colonna. Quando la deviazione tende ad evolvere e supera i 15-20 gradi si inizia, sotto controllo ortopedico, una terapia con i corsetti, che mirano ad una correzione attiva della curva scoliotica, e che avrà una durata non prevedibile ma dovrà essere valutata nel tempo. Le forme molto importanti, quelle che tendono al rapido aggravamento, devono subire una terapia chirurgica.


Per quanto riguarda la diagnosi precoce, durante i controlli che il Pediatra esegue periodicamente viene fatto un test detto "one minute test", cioè test di un minuto, nel quale si fa il controllo della schiena del bambino in posizione di flessione (bambino inchinato) con i piedi un poco divaricati e con le braccia bene tese e rivolte verso la punta dei piedi. Si osserva così se il rachide è diritto e se le due metà del torace sono simmetriche. La presenza di anomalie (non paramorfismi) rende necessaria la consulenza ortopedica.


Con plantare Footclinic+scarpe MBT correggiamo l'appoggio podalico e rafforziamo i muscoli paravertebrali ele catene muscolari anteriori e posteriori con risoluzione almeno parziale dell'atteggiamento scoliotico.


 


MEDTECH S.r.l. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento